Suggerimenti SEO per il tuo articolo di successo

Suggerimenti SEO per il tuo articolo di successo

Scopriamo insieme tutti i migliori suggerimenti SEO per creare il tuo articolo di successo e migliorare la ricerca organica del tuo contenuto. La prima cosa da fare è ottimizzare gli articoli del tuo blog per le parole chiave. Questo non significa incorporare quante più parole chiave possibile nel tuo articolo perché i motori ricerca considerano questo procedimento come “keyword stuffing” ossia includere il più possibile le parole chiave con l’unico scopo di posizionarsi in alto nella ricerca organica. Tutto questo, al giorno d’oggi, può danneggiare la tua SEO.

Pertanto dovresti utilizzare le parole chiave nei tuoi contenuti in un modo tale che non sembrino innaturali o forzate. Una buona regola pratica è concentrarsi su una o due parole chiave a coda lunga per il tuo articolo del blog, mantenendo il focus dell’articolo sufficientemente ristretto da consentirti di dedicare del tempo all’ottimizzazione solo per una o due parole chiave.

Ti starai chiedendo: perché le parole chiave a coda lunga?

Queste parole chiave più lunghe, spesso basate su domande, mantengono il tuo articolo incentrato sugli obiettivi specifici del tuo pubblico. Ad esempio, la parola chiave a coda lunga “come scrivere un articolo sul blog” ha molto più impatto in termini di SEO rispetto alla parola chiave breve “articolo sul blog“.

I visitatori del Blog Professionale, che cercano parole chiave a coda lunga, hanno maggiori probabilità di leggere l’intero articolo e quindi cercare maggiori informazioni da te.

Usa le parole chiavi in tutto l’articolo del tuo blog.

Ora che hai trovato una o due parole chiave è il momento di incorporarle nel tuo articolo del blog. Ma qual è il posto migliore per includere questi termini in modo da posizionarti in alto nei risultati di ricerca? Noi di Akomet ti spieghiamo come fare.

Ci sono 4 punti essenziali in cui dovresti provare a includere le tue parole chiave: l’etichetta del titolo, l’intestazione e il corpo dell’articolo, l’URL e la meta descrizione.

Etichetta del titolo.

Il titolo del tuo articolo sul blog sarà il primo passo del motore di ricerca e del lettore nel determinare la pertinenza del tuo contenuto. Quindi, includere una parola chiave qui è fondamentale. Google lo chiama “tag del titolo” in un risultato di ricerca.

Assicurati di includere la tua parola chiave all’interno dei primi 60 caratteri del tuo titolo, che è proprio il punto in cui Google taglia i titoli sulla SERP. Tecnicamente Google misura in base alla larghezza dei pixel e non al conteggio dei caratteri, e di recente ha aumentato la larghezza dei pixel per i risultati di ricerca organici da circa 500 pixel a 600 pixel, che si traduce in circa 60 caratteri.

Tag del titolo lungo? Quando hai un titolo lungo una buona soluzione è inserire la tua parola chiave all’inizio perché se la metti verso la fine potrebbe essere tagliata nelle SERP e questo può influire negativamente sulla rilevanza percepita del tuo articolo.

Intestazioni e corpo dell’articolo.

Menziona la tua parola chiave con una cadenza normale in tutto il corpo e nelle intestazioni del tuo articolo, in modo naturale e facile da leggere. Non esagerare con il rischio di essere penalizzato per il “keyword stuffing”.

Prima di iniziare a scrivere un nuovo articolo sul tuo Blog Professionale probabilmente penserai a come incorporare le tue parole chiave nel tuo articolo. È un’idea intelligente ma non dovrebbe essere il tuo unico obiettivo e nemmeno il tuo obiettivo principale.

Ogni volta che andrai a creare contenuti il tuo obiettivo principale dovrà essere quello di capire cosa è interessante per il tuo pubblico e non quante volte includere una parola chiave o una frase chiave in quel contenuto. Concentrati sull’essere utile a rispondere a qualsiasi domanda il tuo potenziale cliente possa aver fatto per arrivare al tuo articolo, ed ottimizzerai in modo naturale anche per le parole chiave importanti.

URL del tuo articolo.

I motori di ricerca esaminano anche il tuo URL per capire di cosa tratta il tuo articolo e questa è una delle prime cose che verrà scansionata su una pagina. Hai un’enorme opportunità di ottimizzare i tuoi URL su ogni articolo che pubblichi perché ogni articolo vive sul suo URL univoco, assicurati quindi di includere una o due parole chiave al suo interno.

Meta descrizione del tuo articolo.

La tua meta descrizione ha lo scopo di fornire ai motori di ricerca e ai lettori informazioni sul contenuto del tuo articolo del blog. Ciò significa che devi utilizzare il tuo termine a coda lunga in modo che Google e il tuo pubblico abbiamo chiaro sul contenuto del tuo articolo.

Allo stesso tempo tieni presente che questa descrizione può risultare molto importante per ottenere maggiori percentuali di visualizzazioni da parte di determinati lettori.

Oltre ad essere di facile lettura, avvincente e pertinente, la tua meta descrizione dovrebbe includere la parola chiave a coda lunga per la quale stai cercando di classificarti e fornire ai lettori più informazioni possibili fruttando, al momento, la lunghezza massima di circa 300 caratteri.

Includi il testo alternativo all’immagine.

Gli articoli di un Blog Professionale non dovrebbero contenere solo un testo ma anche includere immagini che aiutino a spiegare e supportare i tuoi contenuti. Tuttavia i motori di ricerca non cercano semplicemente le immagini, cercano immagini con “image alt text”.

Poiché i motori di ricerca non possono “vedere” le immagini come le vediamo noi queste vengono codificate dal testo alternativo di un’immagine che a sua volta lo riferisce al motore di ricerca. Tutto questo aiuta quelle immagini a classificarsi nella pagina dei risultati del motore di ricerca.

Il testo alternativo dell’immagine offre anche una migliore esperienza utente (UX). Infatti viene visualizzato all’interno del contenitore dell’immagine quando non è possibile trovare o visualizzare un’immagine. Tecnicamente il testo alternativo è un attributo che può essere aggiunto a un tag immagine in HTML.

Limita i tag degli argomenti.

I tag degli argomenti possono aiutare a organizzare i contenuti del tuo blog ma, se li usi in modo eccessivo, possono anche risultare dannosi. Se hai troppi tag simili potresti essere penalizzato dai motori di ricerca per avere contenuti duplicati.

Se pensi che i tuoi attuali articoli del blog abbiano troppi tag simili prenditi del tempo per ripulirli. Scegli tra un massimo di 15-25 tag di argomenti che ritieni importanti per il tuo blog e che non siano troppo simili tra loro; quindi tagga i tuoi articoli solo con quelle parole chiave. In questo modo non dovrai preoccuparti di contenuti duplicati.

Includi strutture URL intuitivi.

Prima di pubblicare il tuo articolo sul blog dai un’occhiata alla struttura dell’URL. È lungo, pieno di parole o non correlato all’argomento dell’articolo? In tal caso, potresti volerlo riscrivere prima che venga pubblicato.

La struttura degli URL delle tue pagine web è diverse dagli URL specifici dei tuoi articoli e dovrebbe consentire ai tuoi visitatori di comprendere facilmente la struttura del tuo sito web e il contenuto che stanno per vedere. I motori di ricerca prediligono gli URL delle pagine Web che rendono più facile, per loro e per i visitatori del sito Web, comprendere il contenuto della pagina.

Collega articoli correlati del tuo Blog.

Potresti aver sentito dire che i backlink influenzano la classifica dei motori di ricerca. È vero: i backlink mostrano quanto sia affidabile il tuo sito in base a quanti altri siti pertinenti si collegano al tuo. Ma i backlink non sono la soluzione definitiva per creare link. Il collegamento da e verso i tuoi articoli del blog può avere un impatto positivo anche sul posizionamento del tuo Blog Professionale.

I collegamenti in entrata ai tuoi contenuti aiutano a mostrare ai motori di ricerca la validità o la pertinenza dei tuoi contenuti. Lo stesso vale per il collegamento interno ad altre pagine del tuo sito web. Non solo i collegamenti interni aiutano a mantenere i visitatori sul tuo Blog Professionale ma fanno emergere anche gli altri tuoi contenuti pertinenti e le pagine importanti ai motori di ricerca.

Ad esempio se il tuo blog parla di moda potresti trattare i tessuti come argomento. L’aggiunta di un collegamento ipertestuale da un articolo del blog sul cotone a un articolo sul modo corretto di mescolare i tessuti può aiutare entrambi gli articoli a diventare più visibili ai lettori che cercano queste parole chiave.

I motori di ricerca avranno anche un ulteriore aggancio per l’articolo sul cotone quando lo si collega in maniera ipertestuale nell’articolo sulla miscelazione dei tessuti. Ciò significa che l’articolo sul tessuto di cotone, e tutti gli aggiornamenti che apporti ad esso, verranno riconosciuti dai motori di ricerca più velocemente. Di conseguenza si potrebbe anche vedere un aumento della SERP.

Pubblica contenuti sempre attuali.

Quando pianifichi e scrivi un articolo per il tuo blog assicurati che siano contenuti durevoli nel tempo in modo che gli argomenti trattati possono rimanere rilevanti e preziosi per un lungo periodo di tempo, magari apportando alcune modifiche o piccoli aggiornamenti ogni tanto. Ti consigliamo di affidarti a dei professionisti del settore come il Team di Akomet, per realizzare il tuo progetto di successo.

Diamo un’occhiata ad alcuni motivi per cui i contenuti “evergreen” sono così importanti:

  • Ti aiuteranno a classificarti nel tempo, non solo nel prossimo futuro.
  • Contribuiranno ad ottenere una quantità costante di traffico che arriverà al tuo blog anche molto tempo dopo che sono stati pubblicati.
  • Ti aiuteranno a generare pubblico nel lungo periodo.

Tutti i contenuti del tuo Blog Professionale, che si tratti di un articolo di lunga durata, di una guida pratica, di domande frequenti, di tutorial e così via, dovrebbero essere “evergreen”.

Crea contenuti per i tuoi lettori ed i motori di ricerca apprezzeranno.

Ora dovresti iniziare ad inserire queste pratiche SEO nella tua strategia per i contenuti. Ma, man mano che il tuo sito web crescerà, dovrebbero crescere anche i tuoi obiettivi sui motori di ricerca. Una volta identificati gli obiettivi e le intenzioni dei tuoi lettori ideali, sarai sulla buona strada per fornire contenuti pertinenti che saliranno ai vertici della SERP.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Akomet.com